fbpx
WeissAppetito_Logo

Costruzione di tubazioni

20. Marzo 2022

Posa e fissaggio a 60 metri di profondità

Il lago di Costanza, con i suoi 50 miliardi di metri cubi, è la più grande riserva d’acqua potabile in Europa. Sono diversi i territori svizzeri che traggono beneficio anche dall’elevata qualità di quest’acqua e tra questi c’è Kesswil, nel Canton Turgovia, con la centrale idrica di Regio Energie Amriswil (REA) che porta acqua potabile all’intera regione dal 1952. Per garantire l’approvvigionamento anche in futuro, è stato necessario ampliare la capacità dell’impianto con due nuove condotte di captazione posate nel lago di Costanza. La Josef Muff AG ha realizzato tutti i tubi come subappaltatore della Willy Stäubli Ing. AG.

Le due nuove condotte sono lunghe 1,38 e 1,44 chilometri e hanno una sezione di 600 millimetri (DN 600). I singoli pezzi da 16 metri sono stati consegnati e preparati nel centro di saldatura di Güttingen, sul lago. Il committente ha scelto tubi in acciaio con rivestimento interno epossidico ed esterno in PE, quindi protetti da danneggiamenti e corrosione.

Unendo i singoli pezzi sono stati realizzati due cordoni da 512 metri per la perforazione a getto idraulico e diversi tratti fino a 64 metri. Lateralmente sono stati dotati di flange e pezzi curvi per assecondare le irregolarità del fondale. La JMAG ha predisposto il tutto presso il centro di saldatura, trattamento incluso. Del trasporto fino alla riva del lago si è occupata la Willy Stäubli AG e le condotte sono state posate e fissate sul fondale a circa 60 metri di profondità da sommozzatori addestrati.

Per non danneggiare la preziosa area lacustre lungo la riva, sono state posate presso la centrale idrica di Kesswil di Regio Energie Amriswil (REA) senza realizzare scavi. (Perforazione a getto d’acqua dalla riva e inserimento del tubo in acciaio dal lago per i primi 500 metri circa) Prima dell’ingresso, in preparazione alla perforazione a getto d’acqua è stato necessario realizzare uno scavo. Dopo l’immersione i due tratti da 512 metri sono stati trasportati fino al punto di posa con dei pontoni e sono poi stati collocati sott’acqua, dove era stato realizzato il foro, inserendoli con una macchina di spinta. All’estremità lato lago sono stati poi fissati tra loro anche gli altri pezzi da 64 metri mediante apposite flange.

 

Preparazione dei singoli pezzi…
... e successiva saldatura

 

Deposito lungo il fiume
La nuova tubazione prima dell’immersione

 

La JMAG ha preventivamente rilevato con scanner 3D i tubi che collegano il punto delle forature a getto d’acqua fino ai nuovi edifici della centrale per poter realizzare i raccordi in officina e doverli poi solo fissare sul posto, risparmiando così molto tempo.

Oltre alla logistica sul posto, un’altra sfida sono state le condizioni meteorologiche. Ad esempio, per spingere il tubo, era necessario che il lago fosse calmo. Onde e vento hanno fermato i lavori. L’esatto coordinamento tra le imprese coinvolte e la flessibilità sono stati fondamentali in questo senso. La collaborazione tra esperti ha funzionato alla perfezione. La Josef Muff AG è fiera del progetto portato a termine ed è grata per l’interessante opportunità.

 

Cozze quagga

Le cozze quagga provengono in realtà dall’area del Mar Nero. Nel 2015 però la loro presenza è stata riscontrata anche in Svizzera. Da allora si stanno diffondendo con grande rapidità e, oltre a rappresentare una minaccia per l’intero ecosistema, compromettono anche gli impianti di approvvigionamento idrico. Anche il lago di Costanza ospita le cozze quagga, che sono già presenti anche in profondità. Le nuove condotte di captazione sono state posate a 60 metri, ma è comunque necessario eseguire una pulizia specifica ogni anno (con i cosiddetti pig, scovoli) per eliminare le cozze saldamente attaccate alle pareti dei tubi.

Dati progetto

Cliente
Regio Energie Amriswil (REA), Daniel Bill

Ingegneria idraulica: Willy Stäubli Ing. AG, Samuel Jucker

Capo progetto
Josef Muff AG, Claudio Hosang

it_ITItaliano
WeissAppetito_Logo